SPOSTANDOCI A LARGO …

… abbiamo lapossibilità di fare incontri con pesce di grande taglia e filtratori in alcuni casi allettandoci per il prossimo tuffo. E’ nostra abitudine fare due immersioni nell’arco della mattinata, una a largo ed una più ravvicinata alla costa per dare la possibilità di apprezzare questi incantevoli fondali in ogni loro forma.

ATNAM

La splendida parete a circa 10 miglia dal litorale inizia s’un plateau di corallo duro tra i -19/-22 mt dove è possibile incontrare grossi pesci napoleone, cernie falco affacciate al balcone di casa e nudibranchi. In un lato triviamo banchi di sabbia che ospitano creature notevoli, nell’altro lato il drop-off dove a volte grazie presenza di correnti il pelagico ci farà compagnia da un lato, mentre dall’altro alcionacei trasparenti di notevoli dimensioni cattureranno sicuramente la nostra attenzione. A una profondità ti -30 mt inizia un gola che ci accompagna alla parete ricca di “gorgonie Melithaea” molto grandi; dal fondo di circa -45 mt si ergono tre grandi pinnacoli ricoperti di corallo e gorgonie giganti miste tra Anella e ancora Melithaea(riconoscibili per le ramificazioni a nodi rigonfi) circondate a volte da glassfish e planctivori. Arche di gorgonie creano dei passaggi mozza fiato che donano a questo sito un pizzico di magia. I fotografi impazziranno con un obbiettivo ambiente.Atnam è sicuramente una delle immersioni più belle del Madagascar, suggestive e imperdibili. Un’immersione consigliata a subacquei con un po’ d’ esperienza e in marea Discendente per avere una prospettiva dell’immersione che c’invita a fare il bis.

GRAN BANCO ESTERNO

Otto miglia a largo diNosy Be prima di incontrare le profondità elevate del Canale del Mozambico. A una profondità di -18 mt si trova un plateau intatto e ricco di tutte le specie variopinte di corallo, molle e duro. Qui si posso incontrare le rarissime rinomurene nastro. Scendendo più in profondità s’incontrano pareti che si fermano a circa 50 mt sul fondale sabbioso che non risultano peròessere ricche di coralli a causa della profondità. Raggiungendo la quota di circa -23 mt la pellicola inizia a proiettare “il film” intitolato Pelagico. Grossi tonni, carangidi, tazar ,barracuda. In questo punto sono possibili incontri con squali grigi, piccoli pinna bianca e con una buona scorta di fortuna non si escludono grossi squali martello solitari “SphyrnaMokarran e Lewini”soprattutto verso fine anno.Un sito che manderà l’adrenalina alle stelle in situazioni di marea Montante.

BANC PRIVE

Splendida secca con cappello a -13 mt dove spesso si inizia l’immersione. Le pareti scendono a un massimo fondo di -22 mt per poi raggiungere varie conformazioni coralline fino ai -26 mt. E’ un immersione molto varia e si può effettuare con percorsi alternativi. In situazioni particolari sono presenti correnti multidirezionali di varia intensità. Le pareti sono ricche di anfratti che ospitano aragoste variopinte di taglia generosa, capita a volte d’imbatterci in incontri particolari e pesci napoleone che si aggirano attorno ad un pinnacolo. Secondo la profondità e del tipo di corrente si possono incontrare differenti specie di pesce sia pelagico sia bentonico. Non manca la macro. Si finirà l’immersione sul cappello o trasportati nel blu raggiungendo le quote di sicurezza. Quest’immersione a circa 9 miglia dalla riva è adatta a tutti i livelli.

ZION REEF

La nostra immersione inizia la dal punto montante di Atnam dal momento in cui “Zion” ne è il proseguimento. Arrivati sul drop-off scenderemo ad una profondità di -40 mt per ammirare le maestose gorgonie che dalla parete verticale si affacciano nel blu e risaliremo curiosando tra gli anfratti che percorrono in verticale quasi tutta la parete tra nuvole infinite di glassfish. Guardando a sinistra verso il blu una conformazione molto grande di corallo ci invita a visitarla e un attimo dopo siamo distratti dal passaggio un leopardo dalle mediedimensioni. Sono vari gli incontri che si possono fare in questa splendida parete.Nel pianoro a -18 mt incontriamo tordi dalla coda sfrangiata, cernie di Malabar, nudibranchi, pesci scatola e carangidi che nuotano sulla cigliata accompagnandoci verso la sosta di sicurezza. Immersione consigliata a subacquei con un minimo d’esperienza.

BIO 13

Un pianoro di corallo ci attende ad una profondità di -23 mt per accompagnarci aldrop-off che arriva fino i -40 mt ed oltre. Iniziamo la nostra discesa su pareti a tratti verticali a tratti in franate. Anche in questa immersione non passano inosservati magnifici rami di gorgonie estroflessi intenti a raccogliere il loro nutrimento trasportato dalle correnti che come ad Atnam, in presenza di coefficienti di marea alti creano correnti discensionali. Due speroni pro tergono dalle pareti verso il blu ed un pinnacolo appare maestoso ai nostri occhi. Risalendo possiamo ammirare carangidi fasciati e carangidi “Alepes Vari” che pattugliano sopra ai sweetlips a macchie nere. Si consiglia di avere un minimo di esperienza prima di immergersi in questo sito a circa 9 miglia dalla costa.

GRAN BANC D’ ENTREE

Immersione quadra su un plateau di sabbia ad una profondità tra i -18 mt e i-26 mt dove crescono delle conformazioni di corallo chiamate a queste latitudini “patate”. Qui si radunano castagnole rosa, pesci pagliaccio… i pesci pulitori attendono di offrire il loro servizio alla regina dei mari, la Manta Ray. In condizioni particolari di marea, si possono incontrare queste creature dalle dimensioni che raggiungono anche i sei metri di apertura alare. Sul fondo sabbioso anguille giardiniere e maculate fanno capolino fuori dalle loro tane. Non si escludono incontri con grandipastinache e pesci napoleone sull’orlo del drop-off. Questo sito è anche molto ricco di macro che vive tra le conformazioni coralline sparpagliate qua e la. Nudibranchi dai mille colori e pesci ago nono e pesci foglia sono li ad aspettarci. Questa immersione è adatta ad ogni livello ma è consigliato avere almeno un ADV per godersi appieno il paesaggio.

MOKARRAN WALL

Un sito d’immersioni che rivela sempre qualche bella sorpresa, inizia con un pianoro a circa -15mt per poi proseguire su una parete a tratti verticale a tratti in franata. Grazie al fatto che questo sito non sia molto conosciuto a parte dal Manta e un altro centro immersioni, i coralli molli e duri sono ancora intatti e danno dimora a nudibranchi, rino-murene nastro e micro vita in generale. Ciò che attrae di più di questo sito come Grand Banco Esterno è la presenza di squali grigi, pinna bianca e nera, raramente dei leopardo e piccoli Albimarginatus fanno capolino e, verso la fine dell’anno si possono fare incontri con il primo squalo vidi durante l’esplorazione, lo ShpyrnaMokarran. Ovviamente, il pesce pelagico fa da cornice. La massima profondità di 20/25 che si raggiunge a Mokarran lo rende ideale a tutti i livelli. Sito consigliato solo marea montante.

GIORDY’S POINT

Partendo da una profondità di -20 mt, ci si trova difronte ad un vero e proprio spettacolo della natura. In situazioni di marea montante questo sito d’immersione da la possibilità a subacquei con un minimo di esperienza di fare incontri veramente mozzafiato. Anche qui si possono trovare dei grigi, che indisturbati o insieme a un grande e tozzo carangide Ignobilis nuota sfiorando le gorgonie Anella presenti sulla parete verticale che inizia ai – 30/-35mt per terminare circa sui -45/-50mt. La parete si sussegue in maniera ondulatoria creando delle rientranze dove la corrente prende direzioni diverse a quella iniziale. Cernie di grande taglia nuotano tra i coralli avvolte da nubi di piccoli pesci pilota. Dei tazar, simili a dei barracuda sfiorano le teste durante la picchiata per catturare le loro prede. Anche qui ci troviamo a circa 9 miglia a largo.

ANTAUS

Dei nostri amici continuavano a chiedere: vogliamo un sito dedicato a noi…et vailà, le jeux son fait, rien ne va plus…Antaus, una secca in mezzo all’Oceano Indiano che inizia da i -28mt per raggiungere i -40mt. Una gobba distaccata da un pianoro sui -15mt con dei coralli sparsi qua e la. La gobba è completamente ricoperta da gornie, anfratti, coralli molli e duri. Nelle sue immediate vicinanze dei dentici e carangidi nuotano indisturbati della nostra presenza, curiosi direi, dato si avvicinano per scrutarci. Dei gamberetti Metapenaeopsis sono al riparo tra gli oscuri anfratti. Un canale affianca la gobba di Antaus sulla sx, sembra solcato, come se qualcosa o qualcuno ci si strofinasse… quasi termine dell’immersione nuotava fianco a noi una belenottera minore…che siano proprio loro o le megattere a creare tali solchi? Un sito effettuabile con coefficienti di marea moderati. L’immersione termina attraversando un plateau dove vermi piatti e altri abitanti della sabbia hanno dimora, per raggiungere poi il top del pianoro.

BANC ROSARIO

Adatta a tutti i livelli si sviluppa una secca che va dai -15 mt ai -24 mt di profondità ; al centro una conformazione corallina con un passaggio che crea una finestra , dove affacciandosi si vede un’esplosione di micro vita. Zigzagando tra gorgonie e coralli, tra il mese di Luglio e quello di Agosto , raramente si possono incontrare i grandi nudibranchi di Nosy Be,i GiantsDjibuti , assomigliano alle loro cugine ballerine spagnole ma con abitudini diurne. Grossi trigoni, pesci coccodrillo, aquile di mare e balestra titano fanno da cornice a uno splendido paesaggio sottomarino.